A.bio PUBBLICITA'
pubblicità
ABITARE bio SERVIZI
Search
FACEBOOK
ABITARE bio è presente su Facebook.
Vai alla pagina ufficiale
PROGETTO SCUOLA

Geobiologia e Salute

PROGETTO SCUOLA

La prevenzione con
ABITARE bio
per crescere in sicurezza
progetto scuola

PREMIO BRUNACCINI

"Pippo Brunaccini"
Il premio si inserisce nell'ambito dell'attività scolastica e delle tematiche trattate
da ABITARE bio con la finalità di lanciare un messaggio di grande attualità

REGOLAMENTO

SCHEDA DI ADESIONE

Scarica la scheda di adesione

Home Le Notizie Campi Elettromagnetici Pediatri tutti d’accordo: NIENTE CELLULARI AI BAMBINI!

Pediatri tutti d’accordo: NIENTE CELLULARI AI BAMBINI!

                               LA  NOTIZIA  DI   ABITARE bio

                                                                                                    (a cura dell’arch. Alfredo Misitano Presidente di ABITARE bio)

Pediatri tutti d’accordo:  NIENTE  CELLULARI  AI  BAMBINI !

Non molto tempo fa, ad un Tg di una televisione nazionale, un pediatra affermava con estrema sicurezza che il cellulare non fosse minimamente nocivo per i bambini, consigliandone addirittura l’uso.  Mi è sembrata subito una informazione scorretta, aggravata dal fatto che la comunicazione veniva lanciata proprio da un medico, su un media nazionale, che arrivava nelle case di milioni di famiglie.  Sappiamo benissimo che negli ultimi anni le tantissime ricerche svolte in tutto il mondo hanno dato esiti contraddittori facendo emergere non poche preoccupazioni.  Alcuni studi affermano che l’uso del cellulare è innocuo, ma, non a caso forse, molti di questi sono finanziati da grandi produttori di cellulari: è evidente il conflitto d’interesse!   Per fortuna esistono ricerche portate avanti da studiosi indipendenti (che si autofinanziano), che dimostrano, invece, che esistono gravi rischi per la salute umana (vedi ad es. la ricerca condotta dal prestigioso Karolinska Istitutet di Stoccolma che ha confermato che l’esposizione di almeno 10 anni alle radiazioni dei cellulari quadruplica il rischio di neuroma acustico, tumore benigno del nervo uditivo).

Oggi, come da un comunicato stampa pubblicato su www.online-news.it il 28 settembre scorso,  finalmente, i pediatri si dichiarano tutti d’accordo: meglio non dare i cellulari ai bambini. “Meglio prevenire: i bambini evitino di usare il cellulare (ormai nelle tasche di 6 bambini su 10) e se questo avviene lo utilizzino il meno possibile, con l’auricolare e utilizzando magari quelli a bassa emissione. A ”prescriverlo” sono appunto i pediatri in attesa di risposte in futuro sugli eventuali rischi per la salute dei più piccoli legato all’uso dei telefoni cellulari, dopo che l’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (IARC) ha di recente classificato i campi elettromagnetici a radiofrequenza come possibili cancerogeni per l’uomo” (vedi le notizie “CAMPI ELETTROMAGNETICI A RADIOFREQUENZA: L’OMS/IARC LI CLASSIFICANO COME POSSIBILI CANCEROGENI PER L’UOMO” e “BAMBINI E CELLULARI” pubblicati su www.abitarebio.org ). 

Bene!  Finalmente anche i pediatri sono d’accordo!  Meglio adottare il principio di cautela!  

Dopo tanti anni in cui enti e associazioni si battono per disincentivare l’uso dei cellulari da parte dei bambini (vedi le campagne della città di Lione, dell’associazione A.p.p.l.e. di Padova www.applelettrosmog.it , dell’associazione ABITARE bio di Messina  www.abitarebio.org ), siamo veramente contenti – meglio tardi che mai – di avere dalla nostra anche i medici pediatri.   Questo ci conforta e da atto che il nostro operato nel tempo andava nella giusta direzione.

 

Arch. Alfredo Misitano
Presidente dell’associazione ABITARE bio

      

©  Schemi, disegni e testi sono soggetti a copyright di Alfredo Misitano  / Associazione ABITARE bio.
E’ permesso solo l’uso privato;  altri usi sono permessi esclusivamente con il consenso scritto dell’autore.

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information