A.bio PUBBLICITA'
pubblicità
ABITARE bio SERVIZI
Search
FACEBOOK
ABITARE bio è presente su Facebook.
Vai alla pagina ufficiale
PROGETTO SCUOLA

Geobiologia e Salute

PROGETTO SCUOLA

La prevenzione con
ABITARE bio
per crescere in sicurezza
progetto scuola

PREMIO BRUNACCINI

"Pippo Brunaccini"
Il premio si inserisce nell'ambito dell'attività scolastica e delle tematiche trattate
da ABITARE bio con la finalità di lanciare un messaggio di grande attualità

REGOLAMENTO

SCHEDA DI ADESIONE

Scarica la scheda di adesione

Home Le Notizie Campi Elettromagnetici DANNI DA ONDE ELETTROMAGNETICHE PER USO CORDLESS E CELLULARI

DANNI DA ONDE ELETTROMAGNETICHE PER USO CORDLESS E CELLULARI.
LA PRIMA BATTAGLIA VINTA IN ITALIA. -
La Corte d'Appello di Brescia ha accolto il ricorso di un lavoratore contro l’INAIL e riconosce la Malattia Professionale dovuta ai CEM.

cellulare Colpiti da tumore alla testa dopo uso prolungato di telefoni mobili (TM: cellulari e cordless): il Sig. Marcolini da neurinoma del 5° nervo cranico (ganglio di Gassner e nervo trigemino) dopo più di 10 anni e 15.000 ore di utilizzo dei TM e il Sig. Stradiotti (che ha appena iniziato la causa civile contro l'INAIL) da carcinoma alla parotide dopo più di 20 anni e 30.000 ore di utilizzo dei TM.   Entrambi destrorsi, sono stati colpiti sul lato sinistro della testa in quanto, essendo addetti ai rapporti con i clienti delle Ditte presso le quali lavoravano, usavano la mano destra per prendere appunti e la sinistra per telefonare. Pertanto i loro tumori sono ipsilaterali come la grandissima maggioranza di quelli documentati da Hardell e Coll. I tempi di utilizzo dei TM da parte di questi due pazienti sono esorbitanti, comunque Hardell ha riportato aumenti statisticamente significativi di tumori alla testa (soprattutto astrocitomi cerebrali e neurinomi acustici) in utilizzatori di TM con 500-2.000 ore di esposizione e con tempi di utilizzo e/o di latenza di almeno 10-15 anni. Da notare che per i tumori alla parotide da uso di TM gli unici dati positivi in letteratura sono quelli della componente israeliana del Progetto Interphone (Sadetzki 2008), ignorati nei rapporti più recenti di tale Progetto, mentre sui neurinomi del trigemino non ci sono dati in letteratura. Nella causa di Marcolini sono state presentate 3 perizie di parte ricorrente: del sottoscritto, del Prof. B. Saia (ordinario di Medicina del Lavoro a PD) e del Dott. G. Grasso (il neurochirurgo di Brescia che ha operato e seguito clinicamente sia Marcolini che Stradiotti). In primo grado il consulente del Tribunale (CTU) non ha letto nulla nè della letteratura sull'argomento nè delle nostre perizie, negando quindi la relazione tra malattia e uso dei TM e pertanto il Tribunale ha dato ragione all'INAIL. Invece in appello il CTU (Dott. Ottavio Di Stefano, Primario di Medicina Interna presso gli Osp. Civili di Brescia) ha fatto una buona ricognizione della letteratura citando i dati degli ultimi 4 lavori di Hardell (lo studio caso-controllo sui tumori cerebrali maligni del 2006, le due "pooled analyses" del 2006 e quella del 2009 e la metaanalisi di Kundi del 2009) e ha premesso che "l'analisi della letteratura non porta ad un giudizio esaustivo  ma, con tutti i limiti insiti nella tipologia degli studi, un rischio aggiuntivo per i tumori cerebrali ed in particolare per il neurinoma è documentato dopo esposizione per più di 10 anni alle radiofrequenze emesse dai telefoni portatili (cordless) e dai cellulari.... Il dato anamnestico di esposizione supera il limite dei 10 anni.... Nello studio di Hardell del 2006 l'esposizione per più di 10 anni comporta un rischio relativo di 2,9, sicuramente significativo...Si tratta quindi di una situazione "individuale" che gli esperti riconducono al "modello probabilistico-induttivo" ed alla "causalità debole" che ha comunque valenza in sede previdenziale... Un ruolo quindi almeno concausale delle radiofrequenze nella genesi della neoplasia che ha patito il Sig. Marcolini è "probabile" (probabilità qualificata). Il CTU ha così concluso: "Il quesito proposto può essere così svolto: l'esposizione a radiofrequenze, anamnesticamente per un tempo efficace  (più di 10 anni), ha molto verosimilmente avuto un ruolo concausale nell'evoluzione della neoplasia patita dal Sig. Marcolini.

La menomazione dell'integrità fisica legata alla malattia ed ai suoi esiti si stima in misura dell'80%".

Il caso in questione ha una grande rilevanza perchè, a mia conoscenza,  si tratta della prima pronuncia, difficilmente ribaltabile in Cassazione (a detta dell'Avv. Danilo Mina del Foro di Brescia difensore di Marcolini, sulla base del dispositivo della sentenza) con la quale viene riconosciuto il nesso causale o almeno concausale tra esposizione professionale ai TM e patologia neoplastica, con conseguente riconoscimento e relativo indennizzo della menomazione dell'integrità fisica legata alla malattia e ai suoi esiti, nel caso specifico in misura dell'80%.


Prof. Angelo Gino LEVIS

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information