A.bio PUBBLICITA'
pubblicità
ABITARE bio SERVIZI
Search
FACEBOOK
ABITARE bio è presente su Facebook.
Vai alla pagina ufficiale
PROGETTO SCUOLA

Geobiologia e Salute

PROGETTO SCUOLA

La prevenzione con
ABITARE bio
per crescere in sicurezza
progetto scuola

PREMIO BRUNACCINI

"Pippo Brunaccini"
Il premio si inserisce nell'ambito dell'attività scolastica e delle tematiche trattate
da ABITARE bio con la finalità di lanciare un messaggio di grande attualità

REGOLAMENTO

SCHEDA DI ADESIONE

Scarica la scheda di adesione

Home Le Notizie Campi Elettromagnetici ELETTROSMOGNEWS FLASH

LA  NOTIZIA  DI   ABITARE bio

(a cura dell’arch. Alfredo Misitano Presidente di ABITARE bio)

ELETTROSMOGNEWS

FLASH

GENNAIO - FEBBRAIO 2015  (da ReteNoElettrosmogItalia)

1) Etichette di sicurezza in Canada

Proposta di legge canadese sulla obbligatorietà delle etichette di pericolosità nell’uso di dispositivi telefonici senza fili.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

2) Approvata una legge francese su trasparenza e democrazia nello sviluppo di nuove tecnologie.

Recentissima legge che introduce criteri di trasparenza e democrazia per gestire il principio di precauzione nell'uso di dispositivi che emettono  radiofrequenze.

Il Parlamento francese ha varato una legge innovativa che regolamenta la diffusione eterea dell’elettrosmog, compresa la giungla delle “antenne selvagge”. Da adesso i ripetitori di telefonia mobile saranno censiti, mappati e monitorati nella loro emissione elettromagnetica dall’Agenzia Nazionale delle Frequenze, con tanto di risultati resi pubblici. Per i trasgressori, beccati fuori soglia, sono previste multe di 75.000 euro.    Parigi ha così tirato il freno alle incontrollate politiche di marketing degli operatori delle Tlc, stabilendo un limite anche all’utilizzo “cumulativo” di cellulari e dispositivi Wi-Fi, vietati negli asili e nei luoghi con bimbi sotto i tre anni, ma disabilitato pure nelle scuole elementari (eccetto per uso didattico).  Vietate le pubblicità di telefoni portatili che non contengano raccomandazioni sull’uso precauzionale di auricolare o modalità Hands Free per ridurre l’esposizione della testa alle radiazioni di radiofrequenza.

Il modello francese non è altro che quanto dovuto per tentare di preservare il benessere generale, dei bambini, e della crescente popolazione affetta da elettrosensibilità, insidiosa malattia ambientale scatenata dall’esposizione anche a piccole dosi a campi elettromagnetici (a Parigi c’è la via dello shopping  No Wi-Fi e sulle Alpi esiste una Zona Elettrosmog Free per tutelare gli ammalati).  

 

3) L’European Economic Social Committee (EESC) ha emesso il suo verdetto di riconoscimento della elettrosensibilità.

Questa commissione ha partorito un topolino: il riconoscimento della esistenza della elettrosensibilità!   Ma gravi ed inquietanti fatti hanno cassato la parte più significativa della relazione che evidenzia la relazione tra elettrosensibilità e campi elettromagnetici.

SCANDALO IN CESE (COMITATO ECONOMICO SOCIALE  EUROPEO ):

CONFLITTI DI INTERESSI bloccano la strada alle persone con deficit funzionale per Elettrosensibilità

Le Associazioni europee che difendono i diritti delle persone elettrosensibili   e le organizzazioni che lottano contro l'inquinamento elettromagnetico, DENUNCIANO  la  loro profonda preoccupazione per il conflitto di interessi e le irregolarità che  ci sono state nell'adozione della  "contro-opinione" sulla ipersensibilità elettromagnetica nella sessione plenaria del CESE del 21 gennaio.

Il CESE (EESC) è un  organo consultivo dell'Unione europea. Istituito nel 1957, esso fornisce consulenza qualificata alle maggiori istituzioni dell'UE (Commissione, Consiglio e Parlamento europeo) attraverso l'elaborazione di pareri sulle proposte di leggi europee.

La sezione specializzata Trasporti, energia, infrastrutture, società dell'informazione (TEN) appartenente al Comitato economico e sociale europeo (CESE), ha preparato un progetto di parere che raccomanda ai governi europei per alleviare la difficile situazione di emarginazione e di precarietà in cui le persone colpite dal vivo dalla elettrosensibilità. Queste persone, oltre ad aver perso la loro salute e stante  la costante sofferenza con sintomi dolorosi e gravi, spesso hanno perso il lavoro, la vita sociale e molti di loro anche la loro dignità, dovendo vivere in condizioni squallide che nessun essere umano dovrebbe  sopportare oggi in questa nostra  Europa.

Una commissione di studio su electrohypersensibility (EHS) ha analizzato  tutte le prove scientifiche e riconosciuto la validità degli effetti dei campi elettromagnetici per le persone elettrosensibili. Questo processo è durato mesi. 

IL PROGETTO ORIGINALE DI PARERE DELLA COMMISSIONE

Ha reso visibile la situazione di coloro che sono affetti da emarginazione e da gravi violazioni dei loro diritti umani fondamentali, nel totale abbandono delle autorità sanitarie (inconsapevoli dei loro effetti e di come agire).

La commissione inoltre ha riconosciuto la crescente prevalenza di EHS e del loro handicap sulla occupazione come una disabilità funzionale con una sindrome ambientale legati alla loro esposizione ai campi elettromagnetici.

La commissione stava chiedendo passi concreti per recuperare i loro diritti perduti, assistenza e tutela, eliminando / riducendo la loro esposizione, compresa la creazione di "aree bianche". Inoltre il documento contemplava delle misure protezionistiche per la popolazione in generale e in particolare per bambini e ragazzi (ad esempio cavo per la connessione ad  internet nelle scuole, invece di connessioni Wi-Fi). 

IL "controparere"

E’ stato presentato e sollecitato da un membro del CESE, che è in grave conflitto di interessi, il signor Richard Adams, meno di 24 ore prima del processo di approvazione e senza alcun precedente studio.

Esso nega che i problemi di salute legati alla elettrosensibilità sia  associati all'esposizione alle emissioni elettromagnetiche e non presta alcuna attenzione alla grande quantità di prove scientifiche sugli effetti biologici studiati da medici, scienziati e associazioni professionali per la salute in tutto il mondo.

Esso utilizza argomenti negazionisti solitamente avanzati dal settore industriale interessato, che non riconoscono i possibili effetti negativi delle tecnologie wireless.

Con questo nuovo rifiuto della Commissione, la storia si ripete, perché ci sono state molte sostanze nocive per la salute i cui effetti negativi sono stati molto camuffati e misconosciuti per molto tempo,  data la pressione dei vari settori economici  coinvolti (vedi, per esempio, tabacco da fiuto, l'amianto, la benzina contenente piombo e, purtroppo, alcuni altri) .

Questa posizione  "controparere" solo prolunga la situazione angosciante in cui le persone vivono la elettrosensibilità.

Gli Elettrosensibili  per il Diritto alla Salute deplorano che all'interno del CESE l'Europa umanistica dei diritti umani fondamentali non abbia vinto, ma la mercantilista Europa sia  in grado di passare con il rullo sui cittadini e dei suoi principi fondamentali  del suo percorso, lasciando una scia di effetti collaterali, della mancanza di protezione alla disuguaglianza.

Le organizzazioni interessate sono grati al gruppo di studio che ha prodotto il  parere originario,  al loro serio e rigoroso stile di lavoro, come i  membri che hanno sostenuto il parere iniziale con 110 voti, nonostante la confusione e le irregolarità che si sono verificati nella votazione.

Le stesse organizzazioni  sono in procinto di denunciare le profonde irregolarità  ai canali adeguati .

Una analisi molto dettagliata è disponibile grazie a questo link: http://goo.gl/agjjPG 

4) Classificazione IARC 1 (cancerogeno): Comunicato Stampa.

Richiesta che arriva da più parti, fonti scientifiche  e mediche, della modifica della classificazione della pericolosità delle radiofrequenze da possibili cancerogeni e probabili cancerogeni.

“A causa del nesso causale con la sopravvivenza, la classificazione IARC è rafforzata e la radiofrequenza dovrebbe essere considerata come cancerogeno per l’Uomo che richiede un’urgente revisione delle attuali linee guida di sicurezza”, sostiene il Dr. Lennart Hardell, oncologo svedese, dell’Ospedale Universitario di Orebro in Svezia  (fonte: http://www.mdpi.com/1660-4601/11/10/10790/htm)

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information