A.bio PUBBLICITA'
pubblicità
ABITARE bio SERVIZI
Search
FACEBOOK
ABITARE bio è presente su Facebook.
Vai alla pagina ufficiale
PROGETTO SCUOLA

Geobiologia e Salute

PROGETTO SCUOLA

La prevenzione con
ABITARE bio
per crescere in sicurezza
progetto scuola

PREMIO BRUNACCINI

"Pippo Brunaccini"
Il premio si inserisce nell'ambito dell'attività scolastica e delle tematiche trattate
da ABITARE bio con la finalità di lanciare un messaggio di grande attualità

REGOLAMENTO

SCHEDA DI ADESIONE

Scarica la scheda di adesione

Home

LA  NOTIZIA  DI   ABITARE bio

(a cura di Fabio Brunaccini Vice Presidente di ABITARE bio)

 

Per le aziende che occupano fino a 10 lavoratori, scatta l'obbligo di predisporre il DVR in materia di igiene e sicurezza del luogo di lavoro.



A  partire dal 1 giugno 2013 le aziende che rispondono a tale requisito dovranno obbligatoriamente munirsi del DVR, il Documento di Valutazione dei Rischi, dal momento che non è più autocertificabile l'avvenuta valutazione dei rischi presenti nei luoghi di lavoro.

Dal 1 giugno 2013 datori di lavoro che occupano fino a 10 lavoratori e fino a 50 lavoratori non potranno più autocertificare la propria valutazione del rischio, ma saranno tenuti ad utilizzare le Procedure standardizzate introdotte con decreto interministeriale del 30 novembre 2012.

Il decreto recepisce gli orientamenti della Commissione consultiva permanente, approvati in data 16 maggio 2012.

 

Lo Schema delle Procedure standardizzate che prevede 4 passi:


1.- Descrizione dell'azienda, del ciclo lavorativo/attività e delle mansioni;

 
2. - Individuazione dei pericoli presenti in azienda;

 
3. - Valutazione dei rischi associati ai pericoli individuati e identificazione delle misure di prevenzione e protezione attuate;

 
4. - Definizione del programma di miglioramento.


Il Datore di lavoro in collaborazione con il RSPP (se diverso dal Datore di lavoro) e il Medico competente, ove previsto (art.41 D.Lgs. 81/08 s.m.i.), effettuerà la valutazione dei rischi aziendali e la compilazione del documento, previa consultazione del RLS/RLST, tenendo conto di tutte le informazioni in suo possesso ed eventualmente di quelle derivanti da segnalazioni dei lavoratori, secondo i passi sopra indicati
L'entrata in vigore del decreto interministeriale del 30 novembre 2012 e delle Procedure standardizzate, e di conseguenza il termine ultimo per la tradizionale autocertificazione della valutazione dei rischi ai sensi dell'art. 29 comma 4 del Testo Unico di Sicurezza , fissata al 31 maggio 2013 è stata oggetto di specifico chiarimento da parte del Ministero del Lavoro nella nota n. 32, del 31 gennaio 2013.


I  datori di lavoro che occupano fino a 10 dipendenti possono effettuare la valutazione dei rischi con autocertificazione,  fino al 31 maggio 2013.
Dal 1 giugno 2013 quindi non sarà più possibile autocertificarsi.

Si ricorda che l'attuazione del provvedimento non può essere elusa, in quanto la mancata predisposizione del documento, piuttosto che la realizzazione di un documento di valutazione dei rischi che non sia coerente con i contenuti normativi ex D.Lgs 81/08, saranno considerate a tutti gli effetti violazioni della normativa in materia di sicurezza e igiene negli ambienti di lavoro; tale infrazione, a seconda dei casi, comporterà una sanzione amministrativa o penale.

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information